Ecco la storia del cane Sacco, chiamato così perché abbandonato dentro un grosso sacco dei rifiuti sotto un ponte in Sardegna, ad Oristano.

Il cagnolino deve ringraziare la sensibilità di una signora, che passando di lì lo ha visto e ha deciso di intervenire, salvandogli la vita. Sacco era in condizioni gravissime, spaventato e traumatizzato da quello che i suoi padroni avevano deciso di fargli: per gli animali domestici infatti, l’abbandono è uno degli shock più forti che possano provare.


Raggiunto l’ambulatorio per i nostri amici a quattro zampe, i veterinari hanno dato alla soccorritrice una cattiva notizia: il cane probabilmente non ce l’avrebbe fatta, visto il suo stato di salute. E invece quello che è successo è proprio l’opposto, se non un vero miracolo.

Sacco ha reagito bene alle cure e ha dimostrato una forza impensabile, lottando continuamente fino a riprendersi del tutto, stupendo la signora e i veterinari.

Nel video che segue potete vedere il cane dopo le prime cure, zoppicante ma in ripresa, nella clinica veterinaria DueMari di Oristano. La signora non può fare altro che esprimere il suo disappunto e la sua rabbia verso chi abbandona gli animali.

Questa storia per fortuna ha un lieto fine, ma sono tanti i cani che ogni giorno vengono abbandonati. Condividere la storia di Sacco può aiutare a sensibilizzare la gente contro la violenza sugli animali.






http://www.gazzettadelmattino.it/wp-content/uploads/2016/06/cane-sacco-1024x572.jpghttp://www.gazzettadelmattino.it/wp-content/uploads/2016/06/cane-sacco-150x150.jpgShockabbandono,Animali,lieto fine,videoEcco la storia del cane Sacco, chiamato così perché abbandonato dentro un grosso sacco dei rifiuti sotto un ponte in Sardegna, ad Oristano. Il cagnolino deve ringraziare la sensibilità di una signora, che passando di lì lo ha visto e ha deciso di intervenire, salvandogli la vita. Sacco era in...Giornale online di informazione